I castelli del Piemonte e della Val d'Aosta...quarta parte

Pinerolo: residenza dei principi d'Acaia
A Tortona, oltre all'importante museo romano e medioevale che raccoglie cimeli, stele funerarie e frammenti di statue marmoree, si trova la torre del castello intorno ai vasti ruderi della fortezza iniziata da Vittorio Amedeo III e smantellata nel 1801 dai Francesi per ordine di Napoleone.

Nello splendido parco del Valentino di Torino, sorge il celebre castello in cui ha sede dal 1861 il Politecnico. L'edificio venne costruito verso la metà del secolo XVII per ordine della duchessa Maria Cristina di Francia, Vedova di Vittorio Amedeo I, nello stile dei castelli francesi dell'epoca. All'estremità meridionale del parco sorgono il Borgo e il Castello medioevale, un complesso di edifici e costruzioni creati per l'Esposizione generale italiana del 1884 e rappresentanti in  un quadro vario e fedele un riassunto storico della vita e dell'arte, specialmente architettonica, del Piemonte nel Quattrocento.

Castello di Pavone Canavese.
Tra i sontuosi edifici di cui è ricca la città,domina lo storico e grandioso Palazzo Reale fatto costruire per ordine di Re Carlo Emanuele II, nel 1658, su disegni del conte Amedeo di Castellamonte, in seguito ingrandito e abbellito per opera specilamente di Vittorio Amedeo II e di Carlo Emanuele III. Lo scalone, le ampie sale e le gallerie sono ricchi di opere d'arte e di pregiate collezioni. Ai piedi della sfarzosa scalinata, si trova il monumento equestre di Vittorio Amedeo I.

Degni di particolare rilievo sono  la sala del trono, l'appartamento della regina, la sala delle guardie del corpo, il gabinetto delle miniature.


Castello del paese di La Manta
Nei pressi del Palazzo si stende il vasto parco reale che comprende, tra l'altro, nel mezzo di un ampio bacino, il gruppo in marmo dei Tritoni e delle Nereidi.

Altro palazzo storico, antico castello della città, è quello noto sotto il nome di Palazzo Madama, un grandioso edificio che ricorda tre epoche: la romana, la medioevale, la moderna. Nel punto in cui ora è situato, sorgeva anticamente la Porta Decumana di "Augusta Taurinorum", della quale si conservano, incorporate nelle costruzioni posteriori, le due torri. Questa fu trasformata nel XIII secolo in una casaforte da Guglielmo VII marchese di Monferrato e al principio del '400 in un castello dai Savoia-Acaia. Residenza delle due dame reali Cristina e Giovanna Battista, donde il nome, fu restaurato nella metà del '600 dal Vittozzi e dal Di Castellamonte e nel 1718 ebbe l'attuale facciata e lo scalone.


Indietro

...Continua
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...